Jesus Christ Superstar – Mc 6,53-56

Jesus Christ Superstar – Mc 6,53-56

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono.
Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse.
E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.

Il vangelo di oggi ci impressiona e ci fa sorridere un po’. Gesù ha un grande successo e dovunque vada viene raggiunto da un mucchio di gente, per lo più malati, ricchi di paura e speranza. Probabilmente non abbiamo mai fatto personalmente un’esperienza come quella di Gesù. Come la potremmo prendere?

Normalmente, restiamo colpiti e ci stanchiamo per poche richieste delle persone che incontriamo durante la giornata. Addirittura ci lamentiamo per alcune interruzioni nel nostro tran-tran quotidiano, dettate da “irruzioni urgenti” degli altri nella nostra attività. Figuriamoci passare le settimane a incontrare sempre gente con bisogni grandi, con desideri feriti, con speranze zoppe! Il ritmo dell’attività di Gesù ci impressiona sul serio: probabilmente, al suo posto, saremmo totalmente prosciugati, ci verrebbero degli attacchi di panico, l’ansia salirebbe alle stelle.

E invece Gesù cammina, si sposta di paese in paese, perché non può trattenere il messaggio che il Padre gli ha scritto nel cuore. Non può tenere per sé il segreto della vera consolazione, che, nascendo dalla compassione e passando per la vicinanza, si fa compagna di viaggio di tutti i disperati.

Non so come faccia. Ma, forse, prima che cercare il segreto della sua energia, basterebbe solo ringraziare. In fondo, anche la nostra vita è percorsa dal quel nazareno, povero tra i poveri, uomo tra gli uomini. Vero Dio di amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *