Sfogliato da
Tag: vangelo

Mi avvicino o tiro dritto? – Lc 10,25-37

Mi avvicino o tiro dritto? – Lc 10,25-37

In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e…

Leggi tutto Leggi tutto

La speranza in un granello di senape

La speranza in un granello di senape

Sarebbe molto facile commentare il recente esito delle elezioni in Italia alla luce del Vangelo che la liturgia ci offre in questa XXVII domenica del Tempo Ordinario anno C. Sarebbe facile leggere nell’immagine conclusiva che ci presenta il Vangelo di Luca (Lc 17,5-10), quella del servo inutile, la speranza che chi si mette a servizio della cosa pubblica lo faccia nella prospettiva di una forma gratuita e disinteressata. Sarebbe molto facile ricordare, a questo punto, che la politica dovrebbe essere…

Leggi tutto Leggi tutto

Opportunità – Lc 10,13-16

Opportunità – Lc 10,13-16

In quel tempo, Gesù disse:«Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai!Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza…

Leggi tutto Leggi tutto

Personal trainer – Gv 1,47-51

Personal trainer – Gv 1,47-51

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose…

Leggi tutto Leggi tutto

Mollare la presa – Lc 9,57-62

Mollare la presa – Lc 9,57-62

In quel tempo, mentre camminavano per la strada, un tale disse a Gesù: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno…

Leggi tutto Leggi tutto

Rimanere sulla giostra – Lc 9,51-56

Rimanere sulla giostra – Lc 9,51-56

Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme.Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E…

Leggi tutto Leggi tutto

Strane unità di misura – Lc 9,46-50

Strane unità di misura – Lc 9,46-50

In quel tempo, nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande.Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: «Chi accoglierà questo bambino nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato. Chi infatti è il più piccolo fra tutti voi, questi è grande».Giovanni prese la parola dicendo: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e glielo abbiamo…

Leggi tutto Leggi tutto

Schiaffo

Schiaffo

La prima parte della parabola che il Vangelo di Luca ci consegna in questa XXVI domenica del Tempo Ordinario, anno C (Lc 16,19-31, ci parla di una situazione vecchia come il mondo che l’uomo non riesce a risolvere: l’ingiustizia palese di un gruppo di ricchi che non sa mettere a frutto la propria fortuna per creare giustizia, anzi la utilizza in maniera irresponsabile vivendo nell’indifferenza. Qui si parla della sfacciataggine di chi non riesce più a riconoscere la propria condizione…

Leggi tutto Leggi tutto

Sondaggi – Lc 9,18-22

Sondaggi – Lc 9,18-22

Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto».Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli…

Leggi tutto Leggi tutto

Che noia che barba – Lc 9,7-9

Che noia che barba – Lc 9,7-9

In quel tempo, il tetràrca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», altri: «È apparso Elìa», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti».Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo. Erode non è uno stupido. Egli sa bene, in base alla propria esperienza personale («Giovanni, l’ho fatto decapitare io»), che…

Leggi tutto Leggi tutto

0Shares